Lancio dei palloncini al taglio della torta

Il taglio della torta è il momento principale del giorno del matrimonio.

Forse, se vogliamo vederlo in questo modo, è anche il momento in cui, idealmente, si può concludere la festa. Per alcuni invitati, di solito chi ha bimbi piccoli o i parenti, il taglio della torta simboleggia il momento in cui ci si può congedare dagli sposi.

Mangiano la loro fetta di torta, passano a salutare e a ritirare la bomboniera e lasciano spazio ai giovani e a chi si vuole divertire.

Il momento del taglio della torta, proprio perchè così importante, è sempre organizzato con molta attenzione: dura proprio poco (il tempo dell’affondo del coltello, bacio e foto), ma è uno di quelli che resta a lungo nella memoria, anche degli invitati.

Sai quali sono le tre domande che fanno su un matrimonio?

  1. com’era la sposa
  2. si è mangiato bene
  3. com’era la torta

Quindi, ecco perchè se già stai molto attenta al tuo abito, ai dettagli del tuo look e al cibo, scegliendo e selezionando il catering migliore, anche a costo di spendere qualche euro in più rispetto al budget iniziale, è normale pensare di rendere magico anche il momento del taglio della torta.

Ormai la maggior parte dei matrimoni è di sera, il taglio della torta avviene sempre verso le 10.30/11 e quindi è abbastanza buio per poter osare con delle decorazioni luminose.

Leggi anche: le 5 idee per un taglio della torta scintillante

Il lancio dei palloncini al taglio della torta

I palloncini a led sono stati la grande novità dei matrimoni del 2016.

Sono, fondamentalmente, dei palloncini biodegradabili, gonfiati ad elio, che contengono due o tre led. I palloncini sono disponibili in tutti i colori e sono un momento molto gradito agli ospiti, che per un po’ ritornano bambini.

I palloncini luminosi sono stati scelti anche da una mia sposa a giugno 2016. Il taglio della torta è stato organizzato all’aperto, gli sposi avevano due palloncini enormi bianchi e per tutti gli altri erano stati previsti dei palloncini rosa e arancioni, i colori del matrimonio.

Nei giorni precedenti mi sono accordata con il fornitore in merito alla consegna. I palloncini sarebbero arrivati già gonfi e luminosi (tanto sia il led che l’elio restano attivi per più di 24 ore, quindi nessun rischio di restare al buio o con i palloncini mosci), avrei solo dovuto “nasconderli” agli invitati fino al momento del taglio della torta.

Ci accordiamo per l’ora, do’ tutte le indicazioni per raggiungere la location, ci scambiamo i riferimenti.
I palloncini sarebbero dovuti arrivare alle ore 21.30.
Alle ore 21, mentre gli sposi stavano ancora mangiando e facendo le foto, io e Alessia, la mia assistente, ci allontaniamo e facciamo una telefonata preventiva, per sapere se tutto andava bene.

La persona con cui avevo tenuto i contatti mi passa il numero della persona che avrebbe effettivamente consegnato i palloncini e, appena riusciti a contattarlo, ci dice che “erano a casa a mangiare”.
Io… sbotto! Cioè, no, mi trattengo, divento calmissima e chiedo maggiori dettagli, ad esempio il perchè si erano fermati a mangiare se la consegna era prevista per le 21.30.

Ci rispondono che a loro risultava la partenza alle 21.30, ma che sarebbero partiti subito a che sarebbero arrivati per le 21.45.
Ok, faccio due conti, il taglio della torta era comunque alle 22.30, avevamo tempo. E qui ho benedetto la mia solita previdenza e i miei tempi “larghi”.

Alle 21.45, altra telefonata e mi rassicurano che “sono per strada stanno arrivando”
Ore 22, però, telefonata da parte loro “ehm… ci siamo persi”

Quindi, la cara Alessia è stata al telefono con loro tutto il tempo necessario per spiegargli la strada.
La location era effettivamente scomoda da raggiungere e li abbiamo guidati passo passo fino a farli arrivare a destinazione.

Per fortuna erano in zona e sono arrivati dopo pochi minuti.

Mentre Alessia era al telefono, io sono entrata a controllare come andavano le cose in sala.
Mi sono sincerata col maitre su come andavano le cose, sui tempi, ed eravamo perfettamente allineati.
Ritorno in tempo per aiutare a scaricare i palloncini.

Ci consegnano tutto -per fortuna erano bellissimi-, saldiamo quanto dovuto e sistemiamo i palloncini sullo schienale di una sedia.

Prendendo in mano 50 palloncini ho scoperto che:
– i palloncini gonfi di elio, insieme, sono pesanti
– il film UP, in cui una casa viene sollevata grazie a tanti palloncini gonfiati ad elio, non è così surreale.

Prima di legarli in attesa di consegnarli, però, li srotoliamo e sciogliamo i nodi che si sono inevitabilmente creati con i fili: l’obiettivo era distribuirli nel miglior modo possibile.

Rientriamo in sala e, come da timing, gli ospiti e gli sposi hanno finito di mangiare. All’esterno stavano già allestendo il tavolo per il taglio della torta.

Mentre il maitre fa uscire gli ospiti dalla sala, io e Alessia ci facciamo trovare pronte con i palloncini, che distribuiamo uno a tutti e, mentre lo facciamo, spieghiamo che saranno lanciati al taglio della torta.
Gli sposi tagliano la torta, fanno la foto, quindi consegno loro i due palloncini bianchi a forma di cuore e… tutti li lasciano andare sotto mille applausi.

Il fotografo era stato avvertito del momento, il DJ era già pronto con la musica, la location sapeva che avrebbero dovuto tenere le luci esterne spente per rendere bene nelle foto.

Posso dirmi soddisfatta della situazione e credo che proporrò il lancio dei palloncini anche ai matrimoni di quest’anno, perchè sono davvero carini e ancora una sorpresa per i tuoi ospiti.

Te lo specifico, ma forse non serve.
La sposa, di questo piccolo imprevisto, non ha saputo nulla e saprà di questo normale contrattempo, solo se leggerà il mio blog.

D’altronde, perchè disturbare lei, agitarla e crearle ansia?

Ora ti chiedo una cosa: tua mamma, tua suocera o la tua migliore amica… cosa avrebbero fatto? Probabilmente sarebbero venuti da te per avvisarti, per chiederti consiglio vanificando l’idea di aiuto e di relax che il servizio di coordinamento prevede.

Infatti, alla base di tutto, scegliere di avere un coordinatore nel giorno del tuo matrimonio vuol dire soprattutto garantirsi il maggiore relax possibile. Sai di avere al tuo fianco qualcuno che, quel giorno, ti aiuterà a risolvere piccoli impicci e pasticci, normali quando si tratta di eventi molto grossi e complessi come un matrimonio.

Grosso e complesso perchè le persone coinvolte sono tante tra ospiti e fornitori -pensa solo allo staff di un catering tra cuochi, allestitori, camerieri- , perchè le aspettative sono molto alte, perchè… è l’unico evento che non è replicabile.

Il giorno del matrimonio, soprattutto del tuo matrimonio, deve essere tassativamente “buona la prima”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *