Piano D: il vento al matrimonio

Il clima è la cosa che più preoccupa le spose nel giorno del loro matrimonio.

E, paradossalmente, è l’unica cosa che non si può controllare ne prevedere. Nemmeno scegliere un determinato mese o periodo è garanzia di tempo bello… insomma, è davvero un problema.

Spesso scegli una location proprio sperando che il giorno del tuo matrimonio sia perfetto anche dal punto di vista climatico: caldo piacevole ma non asfissiante, venticello leggero e piacevole per rinfrescare il pranzo o la cena dei tuoi invitati, serata estiva con cielo stellato per ballare fino a notte fonda… così potrai sfruttare al massimo lo splendido parco che si affaccia sul lago o sulla vallata.

Peccato che questa condizione perfetta si verifichi più o meno lo stesso numero di volte di una eclissi totale di sole.

Quindi, cara la mia sposa, come si fa? Come si può risolvere questo problema?

Semplicemente preparando piani alternativi, dalla A alla Z. Non sto esagerando, al contrario, ti sto solo regalando consigli davvero preziosi di chi ha fatto della gestione degli imprevisti un punto di forza, specializzandosi nel servizio di coordinamento.

Quando dico che il coordinamento è il servizio che ti salverà la giornata, non scherzo.
Hai capito che il coordinamento consiste nel supporto alla sposa ma, soprattutto, nella gestione in totale autonomia degli imprevisti.

Dai, siamo sincere: se quel giorno si alza il vento poche ore prima del tuo matrimonio, come fa la tua testimone a preoccuparsi di valutare la situazione e intervenire in modo da rendere perfetta la giornata senza disturbare nessuno?
I fornitori hanno solo il tuo numero di telefono e tu ti devi preoccupare di controllare il cellulare se le cose vanno male?
Come puoi essere certa che il catering o la tanto famigerata wedding planner della location sappiano intervenire in maniera tempestiva e corretta?

Se fosse così i forum delle spose non sarebbero piene di racconti di cose andate storte quel giorno e di cui nessun fornitore si è preoccupato.
Certo, non è compito del catering prendere decisioni opposte alle tue volontà, perchè al massimo avrete deciso cosa fare in caso di pioggia ma al vento o al troppo caldo non ha mai pensato nessuno.

Poi, come sempre, sta a te decidere se rendere il tuo matrimonio davvero perfetto o risparmiare qualche euro e semplicemente sperare -senza avere alcun controllo- che tutto vada bene.

A questo punto, se devi solo sperare, gioca all’Enalotto che hai più probabilità di vincere.

Allora, ricapitoliamo:

PIANO A: bella giornata, percepita serenamente da tutti… diciamo la situazione ideale e quella a cui pensi sempre quando prenoti e scegli la location. E’ oggettivamente quella in cui lavorare meglio.

PIANO B: la pioggia. Ci sono degli imprevisti di cui tenere conto, cose a cui non hai pensato e piccoli trucchi per gestire il tutto in maniera serena.

PIANO C: troppo caldo. Forse, è quasi peggio della sposa. Il sole a picco e la temperatura altissima rendono i tuoi invitati scocciati e insofferenti… meglio prendere provvedimenti.

Arriviamo dunque al Piano D

Piano D: il vento al matrimonio

Il vento non piace a nessuno, tranne a chi va in barca a vela o fa surf e si trova al mare nel momento giusto.
A parte questa limitata categoria di persone, il vento spettina i capelli, rende difficile muoversi, può provocare mal di testa o mal di orecchie, spesso è freddo e, nonostante la giornata soleggiata, può dare fastidio.

E il giorno del tuo matrimonio può rappresentare un vero e proprio problema:

  • I CAPELLI: non solo i tuoi, che magari sono bloccati da chili e chili di lacca, ma quelli delle tue invitate. Avere i capelli elettrici che ti svolazzano in faccia è molto fastidioso, magari mentre stai mangiando
  • L’AUTO: se hai previsto una decappottabile, non potrai usarla.
  • CERIMONIA ALL’APERTO: i teli decorativi svolazzano, i libretti o le decorazioni potrebbero venire spostate (e volare addosso a qualcuno), potrebbe sentirsi un fastidioso rumore nel microfono del celebrante, come quando sei al telefono e senti il vento.
  • IL CIBO: le tovaglie che volano, bicchieri che si rovesciano, cibo che vola o che viene sporcato dalla terra e dal pulviscolo sollevato, in caso di fontana di cioccolato, schizzi di cioccolato ovunque -spesso, anche sull’abito della sposa-. Un buffet all’aperto in caso di vento porterà gli invitati a non finire il cibo o a prenderlo velocemente per poi rintanarsi in un luogo riparato e poter mangiare in pace.
  • FESTEGGIAMENTI: fuochi d’artificio, lanterne volanti o palloncini a led non possono essere lanciati se c’è vento. Il rischio di incendio e di problemi per la struttura e per i dintorni sono troppi, quindi dovrai rinunciare anche a questo semplice intrattenimento.

Io lo so che non ci avevi pensato, ma d’altronde non è nemmeno tuo compito preoccuparti così tanto.

E non è nemmeno compito del catering o della location.

Cosa puoi fare per evitare questo tipo di grosso problema?

  • sperare che i fornitori SIANO DAVVERO DEI PROFESSIONISTI, si prendano delle responsabilità sulle decisioni e intervengano per risolvere i problemi e rendere il matrimonio piacevole per tutti, invitati e sposi
  • ASSUMERMI. Tutte queste opzioni saranno valutate insieme e quando si verificherà l’imprevisto, agirò come abbiamo preso accordi precedentemente.

Senza doversi preoccupare delle tue amiche, senza che tu ti debba preoccupare.

Scrivimi a claudia@imatrimonidipink.it per prenotare il tuo coordinamento e avere un matrimonio davvero sereno.

Non ci credi? Fai bene, quindi non ascoltare quello che ti dico io, ma leggi in prima persona le recensioni a questo link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *