La wedding planner è inutile. Davvero o è solo una diceria?

Sai cosa ti voglio dire oggi?

È qualcosa che le colleghe non ammetteranno mai, ma non posso negarti la verità. 

In questo blog, e in generale da quando ho iniziato ad occuparmi di wedding, ho sempre raccontato le cose come stanno usando tutta la mia esperienza mixata a quella verve un po’ cinica che mi contraddistingue.

Non a caso, quando è uscito il film della Disney Pixar “Inside Out”, le mie amiche hanno subito hanno guardato Disgusto e hanno esclamato, indicandomi: “SEI TU”.

Ma non perdiamo il senso del post, e torniamo al punto della questione

La wedding planner è inutile

Aiuto!
Tragedia!
Alla forca!

Ma la verità è questa.

In realtà non lo dico solo oggi, spesso ho scritto post in cui raccontavo che il matrimonio si è sempre organizzato in famiglia. E se la sposa stessa era impegnata, si affidava alla mamma o alle amiche.

Le cose da fare, si sa, sono sempre le stesse.

Si prenota la cerimonia, si offre un rinfresco, si ringrazia gli ospiti con bomboniera e confetti, si fanno le foto ricordo e si mette della musica per intrattenere.

La sposa compra un abito per l’occasione, sceglie il bouquet che lo decora e si preoccupa di trucco e parrucco. Lo sposo farà altrettanto.

Stop!
Semplice!
Facile!

O forse no?

Certo, detto così sembra una passeggiata di salute, al pari di organizzare una festicciola di compleanno.

Quello che però scoprirai solo a preparativi iniziati è la complessità di un evento simile.

Stai organizzando il tuo matrimonio, non una festa. È un evento in piena regola.

Hai un numero di ospiti consistente, almeno un centinaio di persone. 

La sala e la location che cerchi devono avere caratteristiche ben precise, il prezzo adatto al budget che ti sei prefissata.
Scegliere il fotografo è complesso e forse hai già scoperto che il servizio fotografico reportage non fa per te.
I preventivi che ricevi per i servizi sono molto complessi, molto diversi tra loro, praticamente impossibile da paragonare e da scegliere.
E così via…

Per non parlare, poi, della gestione di più di 100 persone. Conferme, richieste, inviti, lista nozze… un secondo lavoro a tempo pieno!

E tua mamma, sempre così tanto organizzata, stai scoprendo che insiste a farti organizzare il matrimonio come piace a lei, ti impone tradizioni che trovi antiquate, non accetta le nuove usanze del matrimonio che a te, invece, piacciono molto perché danno un tocco dinamico e originale al tuo giorno, è più preoccupata a far “bella figura” che non a fare “quello che piace alla sposa”.

Resto però del mio pensiero iniziale: la wedding planner è inutile.

Anzi, la figura della wedding planner è inutile se:

  • sei super organizzata
  • sei in grado di gestire i mille imprevisti che ci saranno (e ci saranno, eccome)
  • sei pronta a sopportare critiche, commenti, consigli non richiesti
  • hai un compagno che ti supporta -per davvero- nell’organizzazione e ha la tua stessa visione del giorno del matrimonio

Scegli il coordinamento del matrimonio

Certo, tutto sto pippone per arrivare a questo punto importantissimo.

Se hai risposto positivamente a tutti i punti sopra, è normale pensare che anche quel giorno riuscirai a gestire tutto tu.

Hai organizzato, conosci bene… andrà tutto perfettamente.

Ed è qui che casca l’asino.
L’errore di valutazione che mette completamente a rischio la preparazione perfetta di un intero anno.

Ma a me non accadrà niente di male.

Sei così convinta di aver fatto tutto e pensato a tutto, così sicura di ogni scelta e dettaglio che… potresti aver dimenticato qualcosa.

Cosa? Piccolezze, dettagli, quelli che ti ricorderai la sera prima del matrimonio e che ti metteranno in ansia perché non saprai come risolvere.

Quel dettaglio che hai rimandato fino alla fine e che avevi quasi dimenticato, qualcosa che non avevi pensato di dover definire.

Te lo assicuro, sono cose che capitano sempre e che sono capitate anche a me agli inizi della mia carriera.

Avere una professionista che segue il coordinamento del tuo matrimonio vuol dire garantirsi la possibilità di essere tranquille sempre perché qualcuno interverrà quando le cose si faranno difficili.

Hai dimenticato il bouquet? Ci penso io. Prima che te ne accorga tu.
Il fotografo si è perso? Ci penso io. Prima che te ne accorga tu.
Manca un lettore in chiesa? Ci penso io. Prima che te ne accorga tu.
Il cerimoniere è in ritardo? Ci penso io. Prima che te ne accorga tu.
Qualcosa non sta andando per il verso giusto? Ci penso io. Prima che te ne accorga tu.

Tutti gli esempi che ti ho fatto qui sopra sono cose accadute spessissimo anche durante gli eventi coordinati da me.

Ma le spose non se ne sono accorte, perché ho capito che c’era un problema prima che arrivasse agli invitati e quindi a te.

Risolvendo e intervenendo per tempo, nessuna era stressata e tutte sapevano che c’era qualcuno a risolvere piccoli imprevisti.

Ad esempio, prima di pensare di essere davvero pronta a tutto, leggi questo aneddoto accaduto ad un mio matrimonio: “una spazzola zebrata ti salverà il matrimonio”

 * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * 

Vuoi che il giorno del tuo matrimonio sia tutto -davvero- perfetto e vuoi non doverti preoccupare dei piccoli problemi che potrebbero capitare?

[Allora hai bisogno di me]

Per scoprire se sono libera nel giorno del tuo matrimonio e ricevere tutti i dettagli sul servizio di coordinamento del matrimonio, compila il form qui sotto!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *