Matrimoni alternativi: 3 modi inusuali -ma molto fighi- di festeggiare le tue nozze

Quando si parla di matrimoni alternativi si pensa sempre a cose strampalate o esagerate, in cui allestimenti e abbigliamento ricordano più un set cinematografico (a volte di dubbio gusto) che una cerimonia di nozze.

Bene, dimentica tutto quanto e se stai cercando idee davvero fighi per matrimoni alternativi, sei arrivata nel posto giusto.

Doverosa premessa: ognuno è libero di festeggiare il matrimonio come preferisce e nello stile che sente più suo e, anche se i matrimoni in costume non incontrano il mio gusto personale, difenderò sempre la libertà di scelta. Evviva chi la pensa diversamente!

Detto questo, posso supporre che se stai leggendo questo post è perchè vuoi avere idee per festeggiare in maniera diversa e non banale le tue nozze.

Girovagando in rete avrai trovato sempre le solite proposte per la tua festa: pic-nic, grigliate, aperitivi informali o addirittura banchi di street food.

Tutto bello, eh, però non ce la vedi proprio tua madre seduta su una coperta con il suo nuovo tailleur in mezzo ad un prato mentre mangia tramezzini o il tuo capo in completo elegante che si accomoda su dei tavolini da sagra di paese mentre addenta un hot-dog.

Anche tu sei arrivata alla mia stessa conclusione: sono idee più simpatiche che pratiche.

Quelle cose di cui è bello leggere, perfette per farti sognare qualche minuto su Pinterest e Instagram, ma poco fattibili nella realtà.

La realtà di un matrimonio italiano prevede quasi sempre alcuni (se non tutti) questi aspetti:

  • i genitori che vogliono fare bella figura con i parenti;
  • le famiglie numerose e caotiche;
  • gli amici di una vita che, sommati a quelli nuovi, diventano un numero importante;
  • la presenza del cibo, che deve essere buono e abbondante allo stesso tempo;
  • un pizzico di tradizione, che ci fa sentire “a casa” e rassicura la mamma.

Ma stai cercando qualcosa che renda il tuo matrimonio davvero originale e speciale.

E io lo so bene e ti capisco.

Il giorno del matrimonio, oggi, è strutturato in maniera sempre uguale.

Si inizia con la cerimonia (indifferente che sia in chiesa, civile o simbolica), ci si sposta in location per un lungo e ricco aperitivo, con un buffet diviso a isole, che dura in media un’ora e mezza, dopo ci si siede a tavola dove verranno serviti almeno due primi e un secondo, si cambia scenario per il taglio della torta e, infine, si apre il buffet di dolci quindi a seguire l’open bar e i balli fino a che la location consente di potersi fermare.

Sai cosa ti dico? Che questo è il timing perfetto per un matrimonio. Te lo assicuro.

In questo modo la giornata passa comoda, tutti i fornitori riescono a lavorare bene, gli invitati si annoiano il giusto che è concesso ad un matrimonio e gli sposi, se gli orari sono gestiti molto bene -lavoro della wedding coordinator-, riescono a godersi la giornata e hanno il tempo di fare tutto!

Però a te non basta. Stai cercando idee per matrimoni alternativi.

Visto che io stessa, quando mi sono sposata lo scorso marzo, ho cercato un modo alternativo per festeggiare, condivido con te i risultati delle mie ricerche.

Prendi spunto! 

Matrimoni alternativi: 3 modi inusuali -ma molto fighi- di festeggiare le tue nozze

Per rispondere a questa domanda che mi sono fatta anche io un anno fa, sono dovuta andare all’estero a cercare idee.

In Italia, come dicevo poco prima, la tradizione è ancora molto forte e la formula descritta è quella che tutt’ora funziona meglio sotto ogni punto di vista.

Ma si può cambiare, fare cose alternative, variare il solito sistema. 

Fondamentalmente ho preso la ricetta base e ho stravolto gli ingredienti. Sai quei “tiramisù scomposti” che si trovano nei ristoranti un po’ chic o nei bistrot, dove gli elementi base di un dolce (in questo caso il tiramisù) sono rivisti e modificati? Ecco, per queste proposte di matrimoni alternativi ho fatto esattamente la stessa cosa.

Queste idee sono perfette se hai tantissimi amici da invitare e vuoi limitare il budget di spesa senza fare quella cosa triste dell’invito solo per il taglio della torta.

Fare la festa di fidanzamento e, a seguire, una cerimonia riservata.

Opzione preferita in assoluto.

Subito dopo la proposta di matrimonio, nel giro di qualche mese, organizza una festa di fidanzamento ufficiale. 

Oppure sfrutta il momento della promessa, tipica tradizione del sud Italia, cioè il momento in cui vai in comune per fare le pubblicazioni.

Per organizzarlo ti basta molto meno tempo che per un matrimonio, visto che questo tipo di feste, tipiche americane, non richiedono grandi preparativi come un tradizionale matrimonio italiano.

Come fare?

Cerca una bella location, che sia particolare, da affittare per qualche ora. 

Offri un aperitivo rinforzato, con diverse sedute, a cui seguirà la serata danzante. Non dovranno mancare i drink… è una festa!

Invita tutti quelli che ti piacciono, anche quelli che vuoi coinvolgere in questo giorno ma che sarebbero troppi da invitare al matrimonio vero e proprio e prepara la lista nozze. Puoi anche chiedere che venga rispettato un dress code.

Tu puoi scegliere un abito WOW, senza alcun limite di quello che ti piace. Potete fare il primo ballo, puoi anche avere un piccolo bouquet.

E, alla fine, saluta tutti con piccolo cadeau, meno impegnativo di una bomboniera ma altrettanto carino e sfizioso.

E poi?

Il matrimonio avverrà in forma riservata o più intima dopo qualche mese. Organizza la cerimonia che preferisci e scegli le persone da avere a fianco in un momento così speciale.

Potete festeggiare con una cena speciale, super ricercata e con grande attenzione al dettaglio.

In questo modo puoi soddisfare sia la voglia di condividere un passo importante della tua vita con quante più persone possibili, sia il desiderio di stare solo con le persone che per te contano.

Il problema del matrimonio è che ci sono così tante persone che ti trovi a parlare con chi non vedi mai e a trascurare chi, invece, vorresti veramente avere vicino.

Fare una cerimonia riservata e poi festa grande per tutti.

Lo schema è simile, ma voi sarete già sposati.

Il concetto di cerimonia e festa è lo stesso: intimo, per pochi, con cui potrai passare tutto il tempo che vuoi. E poi, qualche giorno dopo, festa grande con tutti gli amici.

Sì, puoi indossare nuovamente l’abito da sposa.

Sì, puoi anche proiettare il video della cerimonia o rinnovare, in maniera veloce, le promesse con una cerimonia più leggera e meno formale.

Nota di Colorato di Pink: questa formula l’ho già sperimentata diversi anni fa, quando una coppia ha scelto di sposarsi all’estero ed è rientrata a Milano solo per i festeggiamenti, pochi giorni dopo.

Il tutto è stato molto bello e nessuno si è risentito del mancato invito, anzi, poter essere con loro in quel momento e festeggiare comunque, con taglio della torta e balli, è stato perfetto e decisamente originale.

Reverse wedding

Questa è la formula che ho scelto io per il mio matrimonio lo scorso 16 marzo 2019, un innovativo reverse wedding.

La giornata del nostro matrimonio è iniziata con il pranzo con i parenti: tavolo imperiale, 40 persone in totale e noi siamo riusciti a parlare con tutti, a salutare tutti, a chiacchierare con tutti. 

L’emozione era molto forte ma stare insieme e chiacchierare l’ha stemperata moltissimo così che sia io che Luca siamo arrivati più lucidi e quindi più presenti.

Poi siamo scappati a preparaci, mentre veniva allestita la sala per la cerimonia simbolica e civile. Io mi sono preparata con le mie damigelline e le mie testimoni, ho indossato l’abito da sposa, nel frattempo arrivavano tutti i nostri amici.

Ci siamo sposati, quindi abbiamo tagliato la torta ed è partita la festa con buffet, open bar da subito e balli scatenati fino all’1 di notte.

Posso essere sincera? La formula scelta è stata perfetta! 

Se, tornando indietro, rivedrei molte cose (sono sempre molto critica io… la prima cosa che cambierei sarebbe il mio abito da sposa), non cambierei di una virgola il timing della giornata.

Ricorda però che se sei davvero convinta di valutare uno di questi matrimoni alternativi devi avere un elemento fondamentale: un OTTIMO COORDINAMENTO DEL MATRIMONIO.

Infatti troverai un sacco di diffidenza e di stupore da parte di tutti i fornitori per un matrimonio così particolare.

I matrimoni alternativi piacciono a tutti ma nessuno li fa. Sai perchè? Perché da organizzare e da coordinare sono un gran casino.

Non sono impossibili, ma sono diversi.

Lo schema cerimonia-aperitivo-cena-torta è ormai testato da 30 o 40 anni, tutti sanno che si fa così e tutti lavorano bene. Si sentono sicuri e non c’è alcuna variazione significativa nella giornata, se non gli orari o qualche dettaglio che può essere più o meno originale.

Tutti i fornitori hanno bisogno di costanti indicazioni per poter essere certi di fare la cosa giusta nel giusto momento.

E tu, che già non ci sei quando un matrimonio “fila liscio e regolare”, in un matrimonio alternativo come questo non avrai tempo di organizzare/gestire e coordinare tutti i fornitori che fanno domande.

Se io non avessi avuto Alessia al mio fianco non so se avrei portato avanti l’idea di un reverse wedding perchè i fornitori stessi non capivano cosa stessi organizzando.

Come avrei potuto chiedergli di coordinare e gestire qualcosa se non sapevano come farlo?

Il coordinamento del matrimonio, infatti, è il servizio per tutte quelle spose che hanno gestito con attenzione tutti i preparativi del loro matrimonio e non vogliono perdersi nessun dettaglio. Invece di lasciare in mano tutto a fornitori approssimativi, che sono già impegnati a fare “il loro” al meglio, delegano a me tutta la parte di controllo e supervisione.

Agli invitati ho iniziato a parlare di come avrei organizzato il matrimonio praticamente da subito, lo ripetevo spessissimo, l’ho scritto sulle partecipazioni, sul sito del matrimonio e anche il giorno del matrimonio ho preparato un programma. 

Così tutti erano preparati ad andare in giardino per il taglio della torta subito dopo la cerimonia! 

E… ha funzionato.

Se sei arrivata a leggere questo post probabilmente stavi cercando idee originali sui matrimoni alternativi.

Quindi, per sapere come ti posso aiutare a coordinare il tuo matrimonio, compila il form qui sotto: riceverai tutte le informazioni direttamente nella tua casella di posta.

In foto: ovviamente noi, al momento del pranzo del mio reverse wedding.
La foto è di Luciana Ognibene photography

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *