Primi passi per organizzare un matrimonio

Quali sono i primi passi per organizzare un matrimonio è forse una delle domande più cercate del web.

Hai ricevuto la proposta, sei felicissima ma subito dopo l’euforia iniziale ti sei un po’ persa tra le mille cose da fare.

Anche perchè, appena dato l’annuncio, tutti ti hanno coperto di domande: quando ti sposi? dove? che cerimonia fai? hai già scelto l’abito? hai già scelto il fotografo?

E tu, invece, sei ancora nella fase di felicità incontenibile e di incredulità e a queste cose non hai ancora pensato.

Tanto… manca ancora del tempo, vero?

Primi passi per organizzare un matrimonio

Andiamo con ordine… intanto salvati questo post e torna a leggerlo appena sarai pronta ad iniziare l’organizzazione del tuo matrimonio!

Dico sempre che non è importante quanto tempo prima fare le cose, ma conta di più l’ordine con cui si fanno.

Prima di fissare la data ufficialmente, è bene sapere chi saranno i tuoi invitati. 

1.Lista degli Invitati

I primi passi per organizzare un matrimonio si iniziano facendo la LISTA DEGLI INVITATI.

Lo so, ti sembrerà strano trovarla tra le prime cose da fare, ma in realtà è bene sapere quanti sarete e soprattutto chi sarete prima di iniziare ad organizzare.

Quante persone in totale? Da dove vengono? Che età hanno? Come sono queste persone?

Sembrano domande sciocche ma in realtà se ti rendi conto che siete in 10, tutti anziani e con poca energia è inutile prenotare una villa maestosa, lontana da casa, con il DJ più famoso della zona.

Il matrimonio che stai organizzando deve rispecchiare sicuramente voi e i vostri gusti, ma ricordati che è il primo evento da marito e moglie e tutta la festa che stai organizzando deve anche far star bene i tuoi invitati.

Loro sono quelli che godranno dei dettagli che stai preparando ed è cortesia prestare loro attenzione.

L’argomento è sottile e non così scontato, me ne rendo conto. 

Pensa banalmente al numero degli invitati. Ci sono location e ville che chiedono un numero minimo garantito in piena stagione e altre che hanno capienza limitata.

Se la villa dei tuoi sogni chiede un minimo di 100 persone in un sabato di giugno (cosa normale e non così rara) e voi siete a malapena in 80, capisci che è un problema?

Se la villa dei tuoi sogni, all’interno, può ospitare al massimo 80 persone sedute e voi siete più di 80, cosa succede se piove/fa freddo/tira vento/fa troppo caldo? 

Infine: la lista degli invitati ti permette di capire se la quotazione a persona è sostenibile o no. Il prezzo del menù è sempre conteggiato a persona. Spannometricamente, mentre fai il giro della struttura, sai già se è una cifra per voi comoda.

2. Stile del matrimonio e tipo di cerimonia

No, non è ancora tempo di pensare alla data.

Dopo aver fatto la lista degli invitati, parla con il tuo fidanzato e capite insieme cosa desiderate per il vostro matrimonio.

Castello da fiaba o ristorante moderno? Cerimonia all’aperto o in chiesa? Villa vista lago o matrimonio sulla spiaggia?

Tutto è possibile, ma per iniziare i preparativi è bene avere almeno un’idea vaga.

Anche per parlare con la location. Se ti immagini di sposarti all’aperto, in un parco secolare, con una cerimonia emozionante, devi sapere se la location permette questo tipo di cerimonia e quali costi extra ci sono.

Tranquilla, cambiare idea è lecito e ti troverai a farlo spesso. Però i primi appuntamenti saranno mirati e fate sempre in tempo a cambiare idea se vedete che in realtà non è quello che davvero vi convinceva.

3. Data del matrimonio

Adesso sì che puoi cominciare a pensare alla data. 

Se non avete una data speciale, potete tranquillamente valutare la disponibilità del ristorante e decidere successivamente. 

Magari vi piace un mese e scoprite che scegliendo un giorno rispetto all’altro ci sono sconti e agevolazioni.

Oppure, la data che avevate scelto è già occupata quindi potete decidere se saltare direttamente la struttura oppure valutare data alternativa.

Ogni anno ci sono delle date che sono le più gettonate e che sono le prime ad essere occupate. Sono sempre a metà giugno e nei primi giorni di settembre, di solito. Quindi preparati.

Attenzione: ti sconsiglio di scegliere la data basandoti solo sul bel tempo o sul clima. Ormai è totalmente imprevedibile, quindi non ci fare troppo affidamento!

Questi sono i primi passi per organizzare un matrimonio, dai quali non si scappa.

Non ti preoccupare. Queste cose si fanno tutte contemporaneamente.

Magari di matrimonio si parlava da tempo e negli anni avete anche già deciso, a grandi linee, cosa vi piace e cosa no.

Quindi sedervi a tavolino per discutere del tipo di cerimonia non è necessario e potete già passare alla prenotazione della data.

Mentre attendete l’appuntamento con la location, iniziate a stilare la lista. Di sicuro sono cose che si incastrano tutte insieme una volta che la macchina organizzativa è stata messa in funzione.

Non farti influenzare sui preparativi del matrimonio

Questo periodo è divertente ma ti assicuro che sei a forte rischio di influenza. No, non la malattia, quella non c’entra.

Però potresti farti condizionare dai commenti di tua mamma, di tua cognata o delle tue colleghe.

Infatti, insieme alla gioia di organizzare le nozze, entri nel turbine di consigli non richiesti.

Vedrai che improvvisamente tutti sanno cosa è meglio per te, tutti si sentiranno in dovere di dirti cosa fare e cosa non fare, sapranno automaticamente cosa desideri e se proponi loro qualcosa di nuovo che non hanno mai visto, probabilmente te lo bocceranno dicendo “ma quando mi sono sposata io non si usava”.

Fidati di me, ti autorizzo a rispondere un elegante e sempre valido “…e sticazzi?”

Lo so, è contro il galateo e il bon ton e la mia amica Sabrina se leggesse questo blog mi manderebbe una delle sue strillettere. 

La verità è che in questi primi mesi dovrai preparati a rispondere a tono a commenti inappropriati, a partire dal più semplice “ma chi te lo fa fare di sposarti” ad un quasi banale “perchè proprio a giugno che fa caldo/fa freddo/è lontano/devo andare in vacanza?”

Ricordati una cosa importantissima: chi vorrà esserci, ci sarà a qualunque costo. 

Ho organizzato matrimoni da lunedì a domenica, da gennaio a dicembre e se le persone non sono venute era perchè non avevano voglia. 

Scarica la checklist per organizzare il tuo matrimonio

Dopo questa parte motivazionale, che spero non ti riguardi, ti devo però consigliare di scaricare la checklist per il tuo matrimonio.

La #listapink è gratuita, è facile da usare e la trovi già pronta nella tua casella di posta dopo aver cliccato il bottone grosso qui sotto.

Troverai subito l’elenco di tutte le cose a cui devi pensare, così da non farti trovare impreparata e non arrivare di corsa!

La listapink si è anche rinnovata e ora c’è una parte per note e commenti, così che possa segnare tutte le eccezioni del caso.

Se la usi, condividi la foto su Instagram taggandomi come @coloratodipink

checklist matrimonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *