Differenza tra partecipazione e save the date

Qual è la differenza tra partecipazione e save the date?

Perché si usa fare il save the date e poi la partecipazione? Sei obbligata a farli entrambi?

Benvenuta nel nuovo post del blog in cui ti aiuto ad organizzare il tuo matrimonio rispondendo alle domande che ti vengono in mente.

Dico sempre di non cercare mai le risposte sui vari gruppi Facebook o suoi forum di settore, perchè chi ti risponde sono spose come te, forse ancora più confuse di te, sicuramente con esigenze molto diverse dalle tue.

Oggi cerchiamo di capire qual è la differenza tra partecipazione e save the date e rispondiamo alle domande più frequenti sull’argomento.

Differenza tra partecipazione e save the date

Senza tirarla troppo per le lunghe, le differenze principali sono due:

  1. lo stile e le informazioni contenute;
  2. l’uso che se ne fa.

Non sono la stessa cosa e hanno due funzioni molto semplice e definite.

Il save the date è, letteralmente, l’annuncio del matrimonio. La traduzione più corretta in italiano è “segna la data”, cioè “prendi nota di questa data perchè ci sposiamo e tu sei invitato al matrimonio”.

La partecipazione è l’invito ufficiale al matrimonio e contiene tutti i riferimenti per raggiungere la festa.

Cos’è il save the date?

Abbiamo stabilito che il save the date è l’annuncio del matrimonio.

Una volta si incontrava qualcuno, si diceva “sai che mi sposo? tu sei invitato” e la cosa finiva lì. Oggi, se ti fa piacere, puoi realizzare un piccolo comunicato per fare lo stesso annuncio.

Il save the date viene realizzato in maniera curata ma semplice e contiene poche informazioni essenziali: i nomi degli sposi, la data del matrimonio, il luogo del matrimonio.

Così le persone che lo riceveranno sapranno esattamente quando sarà il matrimonio, sanno di essere invitati, segneranno sull’agenda la data e si organizzeranno, per quanto possibile, per esserci.

Il save the date lo trovo molto utile in alcuni casi:

  • se il matrimonio si svolgerà in un’altra regione (es: sposi che vivono a Milano e si sposano in Puglia) e gli invitati dovranno organizzare viaggi e spostamenti;
  • quando al matrimonio manca ancora tanto tempo e hai appena confermato la data e il luogo del matrimonio.

Il save the date verrà fatto con lo stile più vicino possibile a quello che vorresti per il tuo matrimonio.

Non devi avere le idee chiare già da subito, ma capirai se preferisci una partecipazione in stile greenery, cioè con elementi floreali o di fogli, più classica, cioè pulita e con un corsivo inglese, magari preferisci lo stile grafico, quindi tanti elementi grafici regolari e uno stile più moderno.

Come realizzarlo? 

Budget basso: un bel file grafico da inviare tramite whatsapp. Sappi che è l’unica cosa che ti concedo di inviare tramite whatsapp.

Budget medio: una cartolina. Ci sono tantissimi siti che stampano cartoline a un ottimo prezzo e ti permettono anche di scegliere la grafica. Almeno cominci a farti un’idea di cosa ti piace e di cosa, invece, proprio non ti convince.

Budget alto: una calamita, un oggetto, un palloncino da gonfiare… la creatività è il tuo unico limite.

Quando darlo?

Hai tempo. Visto che conviene farlo con largo anticipo, la cosa migliore è cominciare a distribuirlo appena incontri le persone che fanno parte della tua lista invitati.

Cos’è la partecipazione?

Una volta che i preparativi avanzano e che tutti i dettagli saranno più chiari, è tempo di dare le partecipazioni.

La partecipazione è l’invito ufficiale al matrimonio.

Sulla partecipazione ci sono riportati tutti i dati fondamentali per permettere alle persone di raggiungerti nel giorno più importante della tua vita.

Se hai inviato il save the date in anticipo sanno già di essere invitati e finalmente sapranno con certezza dove si svolgerà la cerimonia e la festa.

La partecipazione riporterà i seguenti dati:

  • nomi degli sposi;
  • annuncio del matrimonio;
  • data della cerimonia, luogo della cerimonia (completo di indirizzo) e orario della cerimonia;
  • luogo dei festeggiamenti dopo la cerimonia, completo di indirizzo per poterlo raggiungere.

Come sai non sono una grande fan dell’iban indicato nella partecipazione, così come del cartoncino aggiuntivo con l’indicazione della lista nozze, ma mi rendo conto che è molto soggettivo.

Preferisco di gran lunga un piccolo sito web dove dare tutte le informazioni utili: consigli per arrivare, informazioni sul parcheggio (soprattutto vicino alla chiesa), informazioni varie che potrebbero aiutare gli invitati ad organizzarsi.

Posso fare entrambi?

Assolutamente sì. 

Tra i due quello “superfluo” è il save the date. Cioè, se decidi di non farlo, non succede nulla.

è una coccola, qualcosa “di più” che dimostra quando sei attenta ai dettagli per il tuo matrimonio.

Ovviamente la partecipazione sarà fondamentale e verrà inviata a tutti quelli che desideri avere presenti nel giorno del tuo matrimonio.

Coordinamento del matrimonio: almeno a quello penso io!

Le cose da organizzare sono tantissime e più vai avanti, più ti rendi conto di quanti dettagli ci sono da pensare.

Spero tu abbia già scaricato la checklist per organizzare il matrimonio: è gratuita e la scarichi direttamente da questo link:

coloratopink.lpages.co/checklist

Riceverai gratis nella tua casella di posta la checklist con l’elenco dettagliato delle cose a cui pensare per organizzare il tuo matrimonio, insieme al video che ti spiega come usare la lista!

Se, invece, volessi scoprire il coordinamento del matrimonio, cioè il servizio fondamentale per organizzare le tue nozze in serenità e rilassarti nel giorno del matrimonio, allora compila il form qui sotto e ricevi tutte le informazioni!

Un pensiero riguardo “Differenza tra partecipazione e save the date

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *